Skip to main content

Timo vulgaris

Nome botanico

Thymus vulgaris L., 1753

Componente caratterizzante

timolo, 35-40%

Attività caratterizzanti

antisettico, antimicrobico potente e ad ampio spettro, antinfiammatorio

Descrizione

Piccolo arbusto (h. 10-30 cm) a crescita lenta, caratteristico dell’area mediterranea, dell’Europa occidentale e del Marocco, il timo volgare cresce su praterie rase, così come su terreni e pendii aridi, calcarei, drenanti e soleggiati, fino ai 1500 m s.l.m. Molto aromatico, produce un olio essenziale fenolico, e quindi definibile “maggiore”

Droga

Parti aeree, estrazione per distillazione in corrente di vapore

Resa

0.5-1.2% (0.5-1.2 Kg di olio essenziale da 100 Kg di materia prima)

Oli sinergici

Utile per completare e potenziare l’effetto antibatterico e antivirale l’associazione con: alloro. Per le affezioni respiratorie: eucalipto globulus, mentha piperita. Nel massaggio disinfiammante/ anti-aging, con vettore vegetale (esempio olio di mandorle dolci o olio di sesamo) si possono aggiungere OE di rosmarino, camomilla romana, elicriso; per completare l’effetto rilassante si suggerisce l’associazione con lavanda vera.

antimicrobico selettivo del microbiota, antimicotico e antivirale ad ampio spettro; disinfiammante

sanificante ambientale ad ampio spettro contro contaminanti batterici e micotici

rilassante e sedativo per azione GABAergica

anti-aging per pelli secche, disidratate e anelastiche; cicatrizzante

Stanze indicate per la sanificazione ambientale

ingresso, bagno, cucina

Stanze indicate per l’inalazione

soggiorno, camera da letto

Riferimenti bibliografici